Nel corso dei colloqui tenuti durante lo Sportello d'Ascolto e lo Sportello di Presa in Carico è emersa una reticenza nei confronti delle istituzioni: per cattiva informazione e passaparola, è stata riscontrata una diffusa mancanza di fiducia nei confronti dei servizi territoriali e un infondato timore di deprivazione e controllo, che portano ad un'autoprivazione di servizi a cui molte donne potrebbero avere accesso e quindi a un peggioramento delle già precarie condizioni di vita. L'Associazione La Tenda Onlus intende fornire alle donne migranti informazioni complete e aggiornate sulle modalità di funzionamento e accesso ai servizi e alle risorse del territorio cittadino e sui propri diritti e opportunità, con l'obiettivo di emancipare tali donne e permettere che, in modo informale, trasmettano il sapere acquisito ad altre donne attraverso un processo di peer education. La peer education,infatti, è una strategia educativa volta ad attivare un processo naturale di passaggio "di conoscenze, d’emozioni e d’esperienze" da parte di alcuni membri del gruppo ad altri membri di pari status; un intervento, secondo questa prospettiva, che mette in moto un processo di comunicazione globale, caratterizzato da un forte atteggiamento di autenticità e di sintonia tra i soggetti coinvolti. Con l'approccio educativo della peer education, gli allievi diventano soggetti attivi della propria formazione, non più solo recettori di contenuti, valori, esperienze trasferite dall'educatore.

Area formativa: fornire informazioni per alfabetizzazione linguistica, corsi professionali, e sul funzionamento del mondo del lavoro.

Area sociale: fornire informazioni per la conoscenza del territorio e dei servizi presenti in città per una reale integrazione nel tessuto cittadino, la nascita di un rete di relazioni sociali e una migliore gestione della vita quotidiana e genitoriale.

Area economica: fornire un sostegno economico per tamponare le difficoltà derivate dall'arrivo di un nuovo nato, garantito dall'Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo.

Il progetto è rivolto a 30 donne migranti, sole o con famiglia, che vivono in uno stato di “segregazione” familiare. Non sono solo le donne straniere ma è il loro intero nucleo familiare a trarne beneficio e anche la comunità cittadina poiché sono tutti coinvolti nel processo di crescita. Gli obiettivi del progetto sono dunque migliorare la conoscenza e la fruizione dei servizi, l’acquisizione di autonomia linguistica, professionale, relazionale e sociale della donna e la maggiore attenzione alle capacità genitorialità, realizzando 3 corsi di 2 mesi per 10 donne ciascuno. Il successo del progetto sarà decretato dalle competenze acquisite, da parte delle 30 donne migranti, relative alla conoscenza dei servizi, all’autonomia nel muoversi nel territorio cittadino e al rafforzamento delle capacità genitoriali. Si auspica un processo di crescita personale, relazionale e sociale, al fine di sviluppare un'autonomia responsabile.

Il progetto è finanziato dalla Compagnia di San Paolo di Torino e dall'Ufficio Pio e si struttura in corsi di abilità sociale suddivisi in tre moduli della durata di 2 mesi ciascuno rivolti a 10 donne per corso.

Il primo modulo partirà il 03/10/2012 e terminerà il 23/11/2012, il secondo modulo inizierà il 28/11/2012 e finirà il 31/01/2013 e il terzo modulo avrà avvio il 06/02/2013 e si concluderà il 28/03/2013.

 

 
Associazione La Tenda Onlus Via Botero, 2 - Torino